FUTUROPASSATO – RASSEGNA DI CINEMA DI FANTASCIENZA DELL’ETA’ DELL’ORO PUNTATA 278: Il mostro della palude (1982)

Ben ritorvati.
Pr la sottosezione dal fumetto al film, oggi resentiamo un film tratto da una delle seie più celebri dei fumetti d’autore d’Oltreoceano, ovvero Swamp Thing, personaggio creato da Lein Weine Berni Wrightson e portato alla popolarità e al successo mondiale dall’eccentrico e geniale autore inglese Alan Moore. Il film è Il mostro della palude (1982)

La locandina del film

La locandina del film

La sched(in)a

Titolo originale Swamp Thing
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d’America
Anno 1982
Durata 91 min
Genere azione, orrore, avventura, fantastico, fantascienza
Regia Wes Craven
Soggetto Len Wein e Berni Wrightson (fumetto), Wes Craven
Sceneggiatura Wes Craven
Produttore Benjamin Melniker, Michael E. Uslan
Fotografia Robbie Greenberg
Montaggio Richard Bracken
Effetti speciali Arthur Brewer
Musiche Harry Manfredini
Scenografia Robb Wilson King, David Nichols
Costumi Patricia Bolomet, Bennett Choate
Trucco Tonga Knight,

Wes Craven immerso nell'acqua della palude

Wes Craven immerso nell’acqua della palude

Il cast

Dick Durock: Alec Holland/Swamp Thing
Louis Jourdan: Dr. Anton Arcane
Adrienne Barbeau: Alice Cable
Ray Wise: Alec Holland
David Hess: Ferret
Nicholas Worth: Bruno
Don Knight: Harry Ritter
Al Ruban: Charlie

Holland precipita nella palude

Holland precipita nella palude

Un po’ di storia

In un laboratorio situato nelle paludi della Florida, il dottor Alec Holland (Ray Wise) conduce ricerche biogenetiche per conto del governo. L’agente Alice Cable (Adrienne Barbeau), inviata sul posto per sostituire un collega, assiste alla sua prodigiosa scoperta: un super fertilizzante chimico che, impiegato anche nei terreni più aridi, potrebbe risolvere per sempre il problema della fame nel mondo. Il miliardario Anton Arcane (Louis Jourdan) segue con interesse, per motivi tutt’altro che filantropici, il lavoro dei ricercatori e, quando la formula è messa a punto, fa irruzione nel laboratorio per impadronirsene. Durante l’assalto, la sorella di Holland viene assassinata e lo stesso scienziato, investito accidentalmente dal composto chimico e trasformato in una torcia umana, sembra affogare nella palude ed è dato per morto.
Contro Alice, che ha sottratto il diario di lavoro contenente la composizione della formula, si scatena la caccia degli uomini di Arcane. Holland, in realtà, è sopravvissuto, anche se la formula ha innescato in lui una spaventosa mutazione trasformandolo in una creatura per metà umana e per metà vegetale, la Swamp Thing del titolo originale. Arcane dopo concitati inseguimenti riesce a catturare sia il mostro che Alice; studiando Alec comprende che il siero esalta in sommo grado le caratteristiche individuali del soggetto sul quale viene provato, e, immaginando di diventare un superuomo, lo sperimenta sulla propria persona, convinto di divenire un suoperuomo. Il progetto, ovviamnete, falisce e Arcane, tramutatosi in un bestiale umanoide, folle di disperazione, ingaggia l’ultimo mortale duello contro il mostro della palude. Il mostruoso Arcane ferisca a morte Alice ma Swamp Thing sconfigge Arcane e salva Alice, poi scompare nella palude.

Locandina italiana

Locandina italiana

Analisi

Il film, per quanto realizzato da un regista di spessore, non supera mai la mediocrità, sia nella sceneggiatura, prevedibile fino all’ultimo, sia nella recitazione. La trama, presa con poche modifiche e tanti tagli, dal fumetto, non regge, malgrado la buona prova della Barbeau. Piatti gli altri attori, così come gli scarsi effetti speciali (tra cui certo non spiccano i costumi dei due mostri).

Recensioni

“Sperimentata su sé stesso una nuova formula chimica, giovane scienziato si trasforma in un essere vegetale ambulante di grande vigoria fisica e di animo gentile. Ispirato a un fumetto di Wein e Wrightson, il film è disarmante nella sua assurdità, ma non sgradevole. Fiasco al botteghino diede origine a un seguito e a una serie TV”
IlMorandini

“Ispirato al personaggio creato per i DC Comics da Len Wein e Bernie Wrightson, il film si avvale, sulla carta, di un regista e di un cast prestigiosi. Le premesse per la riuscita ci sarebbero tutte, ma l’opera, una volta ultimata, risulta inaspettatamente piatta, fiacca e, specialmente nella conclusione, involontariamente farsesca. Abituato a misurarsi con incubi ben più orrorifici, Craven gestice il soggetto (una originale variazione della fiaba della “Bella e la Bestia”) con mano incerta mostrando difficoltà ad infondere una nota ironica ai toni melodrammatici che caratterizzano il fumetto. Le inquadrature, quasi tutte impostate su piani americani e alternate da ripetitive e talora pesanti dissolvenze, aperture a ventaglio o zig-zag orizzontali, stancano e smorzano la tensione del racconto e il discreto ritmo impresso all’inizio (la sparatoria, il ritorno del mostro nel laboratorio, il riconoscimento da parte di Alice) è diluito poi dagli interminabili inseguimenti nella palude – una palude insolitamente idilliaca e priva di caimani – e soffocato dalla apparizione finale del clownesco ibrido in cui si trasforma Arcane. Opaca anche la prova dei protagonisti, da Wise e Jourdan alla Barbeau, gli uni imbarazzati forse al pensiero di dover cedere il posto alle controfigure nei panni dei mostri, e l’altra rassegnata ad un ruolo poco più che decorativo, ritratta perennemente in fuga, imbronciata o improbabilmente serena nella scena del bagno nella palude.Nonostante la tiepida accoglienza da parte del pubblico, il film ebbe un sequel (The Return of Swamp Thing) e fornì spunto a due serie televisive curiosamente contemporanee.”Swamp Thing” è intrepretato da Dick Durock”
Fantafilm

“Tratto da una storia a fumetti, è decisamente uno dei film di Craven meno riusciti. Decente l’ambientazione, il più evidente limite del film è costituito da una sceneggiatura bislacca e da personaggi ridicoli, dalla personalità appena abbozzata. Assai scadenti e involontariamente ridicoli, gli effetti speciali”
Garko per ilDavinotti online

“Craven si diverte a mescolare diversi generi, attingendo ai fumetti di Hulk, a “La bella e la bestia” e ai tradizionali horror-avventurosi. Ne risulta un prodotto certamente non all’altezza del talento e dell’inventiva del regista, ma aderente ai canoni del puro intrattenimento. Anche in una diversa location, Hess replica con efficacia i ruoli di uomo perverso e violento che lo hanno reso celebre”
Homesick per ilDavinotti online

Curiosità

Il mostro della palude (Swamp Thing) è un film del 1982 scritto e diretto da Wes Craven, basato sul personaggio dei fumetti Swamp Thing ideato nel 1971 da Len Wein e Berni Wrightson.
Ha avuto un seguito nel 1989 con Il ritorno del mostro della palude (The Return of Swamp Thing).
Il film ha ricevuto una candidatura ai Saturn Award nel 1983 come migliore film horror.

Voto

voto 2,5 di 5 (si può vedere, ma meglio concentrarsi sul fumetto)

Adrienne Barbeau

Adrienne Barbeau

multimedia

Il trailer (in inglese)

Il film in italiano

Link esterni

La scheda di Il mostro della palude (1982) da Wikipedia
La scheda di Il mostro della palude (1982) da IMDB.com
La scheda di Il mostro della palude (1982) da MyMovies
La scheda di Il mostro della palude (1982) da ilDavinotti online
La scheda di Il mostro della palude (1982) da La bara volante
La scheda di Il mostro della palude (1982) da Paperblog.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...