FUTUROPASSATO – RASSEGNA DI CINEMA DI FANTASCIENZA DELL’ETA’ DELL’ORO PUNTATA 277: DIMENSIONE 5 (1966)

Benritrovati.
In questa puntata novembrina della nostra rubrica ammiraglia, dedicata alla fantascienza dei tempi che furono, presentiamo un film ibrido fra spy story e fantascienza, non dissimile dal Mooraker di 007 o giù di lì: DIMENSIONE 5 (1966)

La locandina del film

La locandina del film

La sched(in)a

Titolo originale Dimension 5
Titoli alternativi Dimension 4
Regia Franklin Adreon
Sceneggiatura Arthur C. Pierce
Musica Paul Dunlap
Effetti speciali Roger George

Jeffrey Hunter

Jeffrey Hunter

Il cast

Jeffrey Hunter (Justin Power), France Nuyen, Harold Sakata, Donald Woods, Linda Ho, Robert Ito, David Chow, Jon Lormer, Bill Walker, Virginia Ann Lee, Lee Kolima, Tad Horino, Kam Tong, Gerald Jann, Carol Byron

Francis Nuyen e Jeffrey Hunter  in una foto di scena

Francis Nuyen e Jeffrey Hunter in una foto di scena

Un po’ di storia

Un’organizzazione criminale/politica (non è ben chiaro il ruolo) conosciuta come il “Drago” minaccia gli Stati Uniti: se non si ritireranno dal Sud Est asiatico, verrà fatta esplodere una bomba nucleare su Los Angeles. Viene incaricato di impedire il piano terroristico un agente segreto, Justin Power, appena rientrato da una missione in Asia, sopravvissuto a dun inseguimento mortale perché provvisto di una portentosa cintura che gli permette di viaggiare nel tempo. La sede losangelina della triade/associazione terroristica è guidata dal misterioso Big Buddha, spietato e arrogante. Powers è coadiuvato da un’agente cino-americana, Kitty, impegnata in un complesso triplo gioco. Powers e l’agente si spostano avanti nel tempo di tre settimane grazie ad una macchina del tempo portatile per scoprire cosa ha ricevuto il gruppo di criminali/terroristi che si nasconde dietro una società di import/export cinese. I due, però, vengono scoperti e catturati ma vengono salvati dall’assistente di Big Buddha, Nancy Ho, che lo accoltella alla schiena, non si capisce poi perché. Il film termina con il più classico dei finali alla James Bond, con Powers e Kitty che si allontanano sbaciucchiandosi sul motoscafo.

Analisi

Lo schema alla James Bond, con tanto di misoginia e sessismo (neanche tanto) latenti pervade il film fin dal suo esordio, con la fuga del protagonista in elicottero dopo un’operazione di spionaggio. I film, in effetti, è per lo più un film di spionaggio, con qualche accenno di fantascienza, in particolare la cintura con la macchina del tempo. Per il resto, nulla di nuovo, col belloccio Powers che ha una visione manichea e la personalità di una sedia e i cattivi non dissimili dai pittoreschi avversari di Bond. Anche la regia e la sceneggiatura, che presenta qualche buco di troppo, non sono granché. In questo mediocre melange, si salva solo la bella e brava Francis Nuyen, affatto simile alle Bond girls.

Recensioni

“Per salvare Los Angeles dall’olocausto nucleare, conseguenza di una guerra atomica con un nemico non identificato, un intraprendente scienziato ricorre a una macchina del tempo che lo fa tornare nel passato. Adreon è un regista di serie C, specializzato nel cinema d’azione (western, thriller, avventure), a basso costo, ma non senza meriti. Qui, però, alle prese con una storia di fantascienza insulsa, non può metterli in mostra”
IlMorandini

“La “Drago”, un’organizzazione criminale al soldo di una potenza nemica, minaccia la distruzione di Los Angeles con un’arma atomica, ma un super-agente segreto (interpretato da Jeffrey Hunter) sventa il pericolo. Dimension 5 è stato realizzato come film pilota di una progettata serie incentrata sulla figura di Justin Power, eroico tutore della legge, che si avvale di futuristici gadgets, tra cui una cintura che gli consente di viaggiare nel tempo. Distribuito anche con il titolo Dimension 4″
Fantafilm

Curiosità

Dimension 5 fa parte di una serie di nove lungometraggi a basso budget prodotti in quel periodo dalla United Pictures Corporation. I film erano originariamente destinati alla distribuzione televisiva, ma trovarono una distribuzione cinematografica.
Il viaggio nel tempo fu anche utilizzato nella trama del precedente film intitolato Cyborg 2087, anch’esso scritto da Arthur C. Pierce e diretto da Franklin Adreon.

Voto

voto 2 di 5 (Con un po’ di pazienzam si può anche vedere)

Harold Sakata

Harold Sakata

multimedia

Il trailer (in inglese)

Il film in inglese

Link esterni

La scheda di DIMENSIONE 5 (1966) da MyMovies
La scheda di DIMENSIONE 5 (1966) da Fantascienza Italia
La scheda di DIMENSIONE 5 (1966) da IMDB.comLa scheda di DIMENSIONE 5 (1966) da Wikipedia
La scheda di DIMENSIONE 5 (1966) da La scheda di DIMENSIONE 5 (1966) da Turner Classic Movies

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...