FUTUROPASSATO – RASSEGNA DI CINEMA DI FANTASCIENZA DELL’ETA’ DELL’ORO PUNTATA 219: The Giant Gila Monster (1959)

Ben ritrovati.

Ancora una volta, a parlare di film di fantascienza dei tempi che furono. Navigando fra anni ’50 e anni ’80 del XX secolo, abbiamo recuperato un vecchio film in bianco e nero di mostri giganti. Dopo la mantide e il ragno, tocca subire un processo di ingrandimnto ad una povera lucertola che, non si sa perché, diventa il terrimbile mostro di Gila: The Giant Gila Monster (1959).

Locandina originale

La sched(in)a

Titolo originale The Giant Gila Monster
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Stati Uniti d’America
Anno 1959
Durata 74 min
Rapporto 1,37 : 1
Genere orrore, fantascienza
Regia Ray Kellogg
Soggetto Ray Kellogg
Sceneggiatura Jay Simms
Produttore Ken Curtis e B.R. McLendon
Produttore esecutivo Gordon McLendon
Casa di produzione Hollywood Pictures Corporation
Fotografia Wilfrid M. Cline
Montaggio Aaron Stell
Effetti speciali Ralph Hammeras e Wee Risser
Musiche Jack Marshall
Trucco Corinne Daniel

Il cast

Don Sullivan: Chase Winstead
Fred Graham: Sceriffo Jeff
Lisa Simone: Lisa
Shug Fisher: Old Man Harris
Bob Thompson: Mr. Wheeler
Janice Stone: Missy Winstead
Ken Knox: Horatio Alger 'Steamroller' Smith
Gay McLendon: Mom Winstead
Don Flournoy: Gordy
Cecil Hunt: Mr. Compton
Stormy Meadows: Agatha Humphries
Howard Ware: Ed Humphries
Pat Reeves: Rick
Jan McLendon: Jennie
Jerry Cortwright: Bob
Beverly Thurman: Gay
Clarke Browne: Chuck
Grady Vaughn: Pat Wheeler
Desmond Doogh: Hitchhiker
Ann Sonka: Whila
Yolanda Salas: Liz Humphries
Gordon McLendon: Narrator (non accreditato)
Patricia Simmons: Sherry (non accreditata)
Angus G. Wynne III: Dumb Teen (non accreditato)
Locandina DVD

Un po’ di storia

Mentre si trovano in auto parcheggiata sul bordo di un burrone, Pat Wheeler e Liz Humphries vengono aggrediti da un gigantesco mostro di Gila che scaraventa l’auto nel burrone uccidendo la coppia sul colpo.
Alcuni amici della coppia, poco convinti della versione ufficiale, secondo cui sarebbero scappati insieme per sposarsi, decidono di assistere lo sceriffo locale nella sua ricerca degli adolescenti scomparsi, mentre il mostro assale anche un viaggiatore e fa esplodere un’auto. Chase Winstead, giovane meccanico e pilota di hot rod, individua l’auto precipitata nel burrone e trova le prove della lucertola gigante. Tuttavia, nessuno gli dà ascolto. Questo finché il rettile affamato attacca un treno, distruggendo il ponte e facendolo precipitare nel burrone sottostante, sotto gli occhi esterrefatti di un pescatore incredulo (e ubriaco), il quale avvisa uno sceriffo incredulo che lo considera ubriaco e sognatore. Ma il sospetto si insinua nella mente dello sceriffo che, consultando un. libro sui rettili, comprende che le dimensioni delle stesse dipendono da ormoni e che, in teoria, sarebbe possibile un gigantesco lucertolone (mah). Intanto, la guoventù locale si riunisce nella sala da ballo epr una serata di divertimenti.
A questo punto, incoraggiata dai suoi attacchi e affamata di prede, la creatura attacca la città, dirigendosi proprio verso la sala da ballo locale.
Per fermare il mostro, Chase decide di riempire il suo prezioso hot rod con nitroglicerina e scagliarlo contro il mostro, uccidendo lucertola nell’esplosione e salvando eroicamente la città.

Analisi

L’improbabilità evidente della trama, peraltro abbastanza ripetitiva, il ruolo centrale dei giovani e dei loro spazi generazionali (la sala da ballo, il bar, il love shack (posticino nascosto per coppie)) mettono chiaramente in evidenza chi siano i destinatari di questi “brividi”: i teenagers dell’era atomica. Detto questo, vale la pena di notare che il gigantismo della povera lucertola non viene nemmeno spiegato ed è la prima delle varie incongruenze che rendono non sempre verosimile un film girato con pochi soldi e ancor meno idee.
Il locale sembra più un bugigattolo, il gigantesco mostro è in realtà una lucertola ripresa a distanza ridotta per renderla “gigantesca”. Gli effetti speciali sono all’altezza di queste soluzioni, quindi nona spettatevi granché. La regia è ferma ma tradizionale, di stampo, diremmo, televisivo. Gli attori fanno del loro meglio, ma con scarsi risultati.

Recensioni

“Qualunque siano i difetti della storia, mi trovo attratto dall’atmosfera regionale del film, e soprattutto dai simpatici personaggi che popolano questo ambiente… È raro che un film abbia così tanti personaggi simpatici, e penso che la ragione per cui guardo il film ancora e ancora è perché mi piace passare del tempo con loro”.

Dave Sindelar su Fantastic Movie Musings and Ramblings

“un mostro proiettato all’indietro semplicemente non mette il pubblico in uno stato di profonda paura, specialmente quando è una lucertola. Tuttavia, provoca risate incontrollate occasionali”.

TV Guide

“non intenzionalmente divertente piuttosto che spaventoso”.

Alan Jones di Radio Times

Curiosità

Knox, che interpretava Horatio Alger “Steamroller” Smith, era un vero disc jockey che lavorava nelle stazioni radio del Texas di proprietà della McLendon.
Il “mostro di Gila” nel film è in realtà una lucertola con perline messicana.
Nel 2012 ne è stato realizzato un remake televisivo intitolato Gila! e diretto da Jim Wynorski.
Girato vicino a Dallas, in Texas, il film ha avuto un budget di $ 175.000 ed è stato prodotto dal proprietario della catena di cinema drive-in di Dallas Gordon McLendon che voleva lungometraggi per le sue principali attrazioni. McLendon ha girato il film back to back con The Killer Shrews.
Lisa Simone è stata la concorrente francese di Miss Universo del 1957.

Multimedia

Il trailer in inglese

Il film in inglese


Plex

Link esterni

La scheda di The Giant Gila Monster (1959) da Rotten Tomatoes
La scheda di The Giant Gila Monster (1959) da Wikipedia
La scheda di The Giant Gila Monster (1959) da IMDB.com
La scheda di The Giant Gila Monster (1959) da Horror fandom
La scheda di The Giant Gila Monster (1959) da Allmovie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...