FUTUROPASSATO – RASSEGNA DI CINEMA DI FANTASCIENZA DELL’ETA’ DELL’ORO PUNTATA 217: IL gigante dell’Himalaya (1977)

Ben ritrovati. Nuova puntata estiva della nostra più longeva rubrica, quella sui film di fantascienza del passato. Per questa occasione, facciamo un salto ad Hong Kong, per un film sulla Kongexploitationche strizza l’occhio al remake di quegli anni e ai film kaiju giapponesi: Il gigante dell’Himalaya (1977)

Locandina originale

La sched(in)a

Titolo inglese: THE MIGHTY PEKING MAN
Genere: Fantascienza
Anno: 1977
Regia: Ho Meng Hua
Paese: Hong Kong
Durata: 92 min
Formato: SCOPE COLORE
Distribuzione: KENT (1977)
Sceneggiatura: Ward Moore
Fotografia: Sao Chi, Joe Haig
Montaggio: Charles Bruns
Musiche: Ennio Morricone, Bruno Nicolai
Produzione: SHAW BROTHERS

Utang all’attacco nella città

Il cast

Edward Ardan,

Paul Geert,

Evelyne Kraft,

Catherine Lawis,

George Hill,

Mara Howard,

David Miles,

Peter Ryan,

Alexander Wayne

Locandina italiana

Un po’ di storia

A Hong Kong giunge notizia che, a seguito di un terremoto, tra le montagne dell’Himalaya è apparso un gorilla gigantesco e molti villaggi sono stati distrutti. L’impresario senza scrupoli Lu Chang finanzia una spedizione che affida a Teddy e che si avvale della guida di Johnny Feldon, famoso cacciatore, depresso a causa del tradimento di Caroline che lo ha lasciato per il fratello Charly, che lavora in televisione. Giunto nella zona, Johnny viene abbandonato dai pavidi componenti della spedizione e sta per esseere schiacciato dal gigantesco gorilla quando viene salvato dalla “jungle girl” Samantha, una ragazza che, sopravvissuta all’incidente aereo in cui hanno perso la vita i suoi genitori, è stata salvata e allevata dal gigantesco gorilla che lei chiama Utang, e da altri animali della giungla. Samantha viene morsa da un serpente e Johnny riesce a salvarla con l’aiuto del ggantesco gorilla che, superati i primi atteggiamenti di gelosia, diviene il protettore degli innamorati Samantha e Johnny.
Quest’ultimo riesce a convincere Samantha a portare in città il gigante, che terrorizza la popolazione.
Lu Chang torna alla carica per realizzare il proprio piano di sfruttamento e il gigante si lascia trasferire a Hong Kong su un cargo in catene.
Ma, per colpa della fretta e dell’azardo dell’impresario, il cargo finisce dritto in una terribile tempesta e si rischia il ribaltamento, ma la ragazza riesce a calmare il gorilla, che arriva a Hong Kong senza altri incidenti.
Arrivati in città, Johnny e Samantha si recano a trovare il fratello del primo negli studi televisivi. L’ex di Johnny prova a riconquistarlo ma Samantha li scopre mentre si baciano e fugge via, inseguita da Johnny.
Nel frattempo, iniziano gli spettacoli e Utang, in catene, è chiamato a dar prova della propria forza, ma lo spettacolo non accontenta il pubblico e i guardiani lo pungolano. Samantha, che nel frattempo ha raggiunto il colosso, viene spintonata e il gorilla gigantesco si infuria facendo fuggire tutti. Samantha si rifugia nella gabbia di Utang, disperata.
Lu Chang la convince a seguirlo, tenta di ubriarcarla e di violentarla ma Utang lo vede e, furioso, fugge dalle catene distruggendo tutto inseguendo l’auto di Lutang. Il gigante raggiunge Lutang nel suo appartamento e lo scaglia via, poi sid edica a distruggere la città.
Anziché ricorrere ai due amici del gorilla, le autorità organizzano una disastrosa battaglia contro il gigante. Intanto, Johnny ritrova Samantha e insieme accorrono ma non riescono a salvare Utang e rischiano loro stessi la morte: la ragazza viene ferita durante un attacco a tradimento e Johnny rimane contuso in seguito al tentativo di impedire, invano, l’esplosione della terrazza su cui poggia il colosso.

Analisi

A parte gli effetti speciali poveri, il film è un classico caso di remake non autorizzato. Poche le variazioni rispetto al film originale. Lo schema di riferimento non è il classico King Kong degli anni ’30 ma il remake del ’76 e si vede, soprattutto nella figura di Samantha e nelsuo complesso rapporto con il gigantesco scimmione, basato anch’esso, come quello fra King Kong e Jessica Lange, su la bella e la bestia.
I mezzi sono pochi e agli aerei subentrano gli elicotteri, le scenografie sono più povere, la recitazione è quel che è. Di diverso c’è il ricorso al modello della jungle girl nella definizione del personaggio di Samantha, con tanto di origine alla Tarzan.

Voto

voto 3 di 5 (si può vedere)

multimedia

Il trailer (in italiano)

Link esterni

La scheda di Il gigante dell’Himalaya (1977) da Coming Soon
La scheda di Il gigante dell’Himalaya (1977) da Il cinematografo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...